La parola ad AISM

Mancano pochi giorni alla presentazione ufficiale del video documentario e, in questo frangente, ho deciso di contattare tutte le associazioni veronesi che si occupano di disabilità con l’intento di coinvolgerle e invitarle all’evento.
L’obiettivo è semplice: per una sera, vorrei riunire politica, associazioni, cittadinanza e conuntitleddividere il frutto della nostra ricerca e, perché no, favorire la realizzazione di un dialogo tra associazioni e cittadini. Una delle prime persone che ho contattato è Antonio Giordano, Presidente di AISM che mi ha accolto con un certo entusiasmo, un elemento necessario per portare avanti un progetto come questo. Ho quindi pensato di pubblicare alcuni suoi pensieri riuniti in una breve intervista.

Presidente, ci parli di lei.
Mi chiamo Antonio Giordano, ho 45 anni e da ventitré anni sono una persona con sclerosi multipla. Lavoro per il gruppo Centro Nord S.p.A. e mi occupo di acquisti e sicurezza sul lavoro. Infine, ricopro, da circa sei anni, il ruolo di Presidente provinciale di AISM Verona.

Com’è approdato ad AISM?
Sono arrivato ad AISM in seguito all’accettazione della malattia, nel 1998 quando, accompagnato da mio padre, ho capito che potevo rendermi utile e mi sono reso conto che le cose non capitano solo agli altri. Prima della malattia la disabilità altrui mi disturbava, pensavo che una cosa del genere non mi sarebbe mai capitata e invece poi, ho capito che gli altri non esistono perché io ero diventato gli altri.

Qual è il suo impegno in associazione?
Il mio impegno per AISM è totale. Credo in quello che faccio e, ancor prima di essere Presidente, sono stato un volontario che si è impegnato per dare un contributo reale al movimento, che ha un obiettivo: liberare il mondo dalla sclerosi multipla.

Come descriverebbe la sclerosi multipla?
Descrivere la sclerosi multipla non è semplice. Si tratta di una malattia che dura tutta la vita che fa tremare le gambe solo a sentirla nominare perché è invisibile ma devastante allo stesso tempo. Si può averla e nessuno se ne accorge oppure, al contrario, si può averla e tutti se ne accorgono. Io ho la sclerosi multipla da 21 anni. Nessuno lo direbbe ma c’è e solo io so cosa sento.

Parliamo di barriere architettoniche: cosa ne pensa?
Per quanto riguarda le barriere architettoniche penso che la mancanza di educazione civica e il rispetto siano alla base del problema. Sarebbe magnifico se una città come Verona storica, antica e stupenda abbattesse tutte le barriere architettoniche ma, bisogna essere realistici. Mi auguro che la gente capisca che, passo dopo passo e con tanto impegno sarà possibile rendere le cose più semplici e permettere a tutti di condurre una vita ricca ma soprattutto una buona vita, una bella vita grazie anche ai piccoli gesti. Un esempio? Basterebbe non occupare gli stalli riservati ai disabili e voltarsi se qualcuno chiede aiuto.

Cosa si potrebbe fare a Verona per migliorare la situazione?
Devo dire che siamo fortunati a vivere a Verona, in Italia troviamo situazioni molto più complicate. Verona s’impegna con il volontariato, con l’educazione e penso anche con buoni amministratori.

C’è una situazione che vorrebbe segnalare o sottoporre all’attenzione dell’amministrazione?
Se posso dare un consiglio direi che sarebbe il caso di ascoltare di più, parlare di meno e agire.

Divertimento e disabilità, un binomio possibile?
Sì, secondo me si tratta di un binomio possibile. Lo vedo tutti i giorni frequentando persone che, pur non senza difficoltà, fanno di tutto per condurre una vita piena.

Ultima domanda, il 27 sarà dei nostri?
Certo che sarò dei vostri, non c’è dubbio.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...